CHI SIAMO
DOVE SIAMO
ORARIO DI APERTURA
LISTINO PREZZI
LAVORAZIONI
SERVIZIO A DOMICILIO
PROMOZIONI
ATTREZZATURE
CONSIGLI UTILI
CLEAN SHOP
PATTI CHIARI
COMUNICAZIONI VARIE
E MAIL

OTTIMIZZATO 800 X 600
con carattere medio
AGGIORNATO IL 11/02/2016

Gli acari


Non Vi siete mai chiesti quanto sia grande un acaro?
Secondo Voi che aspetto ha?
Con la speranza di offrirVi un'informazione esaustiva, Vi forniamo alcune risposte alle domande più frequenti.

Non si vedono, non si sentono, non pungono... ma sono con noi a milioni.
Gli acari rappresentano alcuni degli esseri viventi più antichi del pianeta; possono vivere e crescere in ambienti differenti quali le piante, i fiori, gli animali, l'uomo, il terreno, nei laghi e nell'acqua salata, nelle case e nei rifiuti organici, nei materassi, nei libri etc.
Gli acari sono strutturati con un esoscheletro ed hanno appendici suddivise in articoli e per questo motivo fanno parte del phylum degli artropod.
Si distinguono dagli insetti perché gli adulti possiedono otto zampe anzichè di sei.
Le loro dimensioni sono pari a circa 200-300 micron (all'incirca 1/4 di millimetro) per cui non possono essere visti ad occhio nudo; il maschio è leggermente più piccolo della femmina.
L'acaro della polvere è privo di una vera testa; la parte anteriore del corpo (gnatosoma) dotata di organi sensoriali, funge da apparato boccale ed inoltre svolge funzioni di presa.
Gli occhi sono assenti e nonostante non vi siano degli evidenti recettori luminosi, gli acari della polvere sono estremamente fotofobici tant'è che si attivano alla ricerca di recessi bui quando sono esposti alla luce.
L'intero ciclo che porta dallo stato di uovo ad organismo adulto si compie in 2-3 settimane.
Gli adulti hanno vita media di 2-4 mesi, durante i quali procedono ad uno o due accoppiamenti, dopo i quali la femmina depone complessivamente 20-50 uova.
L'acaro della polvere può tollerare un'ampia variazione di temperatura che va mediamente da 0 a 30 gradi centigradi, con l'optimum attorno ai 20-25 gradi.
L'umidità ambientale è più importante della temperatura ed è ottimale per le loro condizioni vitali quando si assesta attorno al 75%.
Solitamente in un'abitazione riscaldata autonomamente, tale valore è inferiore al 65%.
Gli acari si sviluppano in quei luoghi della casa che forniscono loro una sorgente di cibo e riparo, come i tappeti e i materassi.
La struttura fibrosa e cellulare di questi ambienti permette agli acari di accumulare acqua e ridurne le perdite.
Gli ambienti preferiti sono le camere da letto, dove le concentrazioni di Dermatofagoidi possono arrivare a più di 1000 per grammo di polvere.
La dieta degli acari consiste in scaglie di pelle umana, funghi che crescono sull'epidermide, muffe, corpi e frammenti di insetti (ad es. scarafaggi), granuli di pollie e batteri.
visione apparato buccale La profilassi ambientale rappresenta la forma più accurata di bonifica igienica; essa deve comprendere:
  • aerazione frequente degli ambienti in modo da ridurre l'umidità al di sotto del 50%;
  • rimozione accurata della polvere dai pavimenti e dai mobili con aspiratore elettrico munito di microfilitri che ne evitino la successiva dispersione e panno umido;
  • lavaggi frequenti dei tendaggi e dei tappeti.

  • Particolare attenzione va riposta alle condizioni in cui si trovano il letto e la biancheria.
    Queste le cinque regole d'oro per limitare la convivenza notturna con i silenziosi "coinquilini":

    1) Sostituzione dei materassi e dei cuscini di lana o di piume con altri in gommapiuma o poliuretano da ripetersi comunque ogni 2-3 anni;
    2) Rivestimento dei materassi e dei cuscini con "federe" anti-Acaro in cotone a trama spessa e pellicola sintetica;
    3) Esposizione all'aria e al sole di materassi, cuscini e biancheria;
    4) Pulizia della superficie esterna di materassi e cuscini, in particolare in corrispondenza delle cuciture dove maggiore è la concentrazione degli Acari;
    5) Lavaggio frequente, anche bisettimanale, ad alta temperatura di tutta la biancheria da letto.
    Estremamente utile per la bonifica ambientale è l'impiego degli acaricidi e dei denaturanti degli allergeni degli Acari spruzzandoli periodicamente sui materiali di imbottitura, sui tappeti o sulla moquette.
    Tra i molti in commercio, ricordiamo per la loro affidabilità, i prodotti Cleanshop contenenti benzilbenzoato, alcool benzilico e acido tannico, miscele di tensioattivi e acidi organici naturali.